Bordo condiviso sinistro
  Torna alla home
 

Profilo

 
  Chi siamo
  Dove siamo
  Brugherio
  San Damiano

 

I nostri servizi

   
 
Conducente 
 
  Cat. e documenti
  Lezioni di teoria
  Lezioni di guida
  Corsi recupero  punti
  Consorzio
  Modulo visita
  Corsi CQC
  Rinnovo
  Duplicato
  Conversione
  Internazionale

   
 
Veicolo
   
  Targa ciclomot.
  
 

Utilità

 
  Patente moto
  Patente a punti
  Casco
  Codice d. strada
  Patente card
 
CQC
  Sanzioni
  Quiz on-line
  Link costruttori
  Domande frequenti
  
Calend. revisioni
  Alcol ed effetti
  Guida sicura

 

Contatti

  
  Info generali
  Mess. istantanei
  Personali 

Link di settore

 
  Ruotesicure
  
Unasca
  
Unascamilano
  
Poliziadistato
  Motociclismo
  
Seada
  
 

Link utili

 
  
Numeri di telefono
  
c.a.p.
  Codice fiscale
  Convertitori
  
Calcola il bollo
  
Orari treni
  Ultime notizie
  Fusi orari

   Vocabolario
  
Traduttore
 

Siti amici

   
  Pratichecatastali

 
ilpalagione.com
  Peregomobili
 

 
 
 Uso del casco

   
"Il casco salva la vita" ma è sempre vero? siamo certi di conoscere veramente i suoi limiti e le sue funzioni?

Troppo spesso esiste in noi la convinzione che serva solo alle alte velocità, in realtà il suo compito lo svolge al meglio nei centri abitati quando la velocità non è elevata infatti proviamo a pensare di avere un impatto a 100 km/h oppure di cadere a 20 km/h urtando con la testa lo spigolo del marciapiede, in quale dei due casi si può affermare con certezza che "il casco salva la vita"?

Ecco alcune informazioni per saperne di più.
 
 

Struttura
 
 

Il casco si compone di 2 calotte, una esterna ed una interna.

Quella esterna può essere realizzata in policarbonato (più pesante ma più economico) o in fibre composite quali Kevlar e carbonio impregnate in resine termoindurenti(più leggere ma più costose), entrambi i materiali hanno la caratteristica di essere estremamente rigidi e quindi di sopportare l’urto distribuendo l’energia prodotta su una superficie più ampia.

Quella interna è realizzata in polistirolo espanso di varie densità ed ha lo scopo di deformarsi permanentemente assorbendo così l’energia generata dall’urto. E’ bene far notare che la suddetta, in caso di incidente, è sottoposta ad un vero e proprio schiacciamento dovuto a due forze contrapposte(la testa dall’interno e l’ostacolo dall’esterno), pertanto in caso di urto considerevole anche se non sono presenti segni di cedimento sulla calotta esterna è assolutamente necessario sostituire il casco.

Per garantire un miglior confort è poi presente un rivestimento interno realizzato con tessuti traspiranti e anallergici.

Completano la struttura del casco il cinturino sottogola, fissato alla calotta esterna e dotato di chiusura a doppio anello o fibbia a sgancio rapido, la visiera, realizzata in policarbonato o in plastica trasparente trattata per resistere alle abrasioni e un sistema di aerazione, più o meno sofisticato che ha il compito di espellere l’aria calda dall’interno limitando così il fenomeno dell’appannamento.
 

Torna su 
 
E
tichetta
 
 

La normativa Italiana prevedeva due tipi di omologazioni ben differenti tra loro:

 


 

Cucita all'interno contrassegna quei tipi di caschi definiti a "calottina", che lasciano scoperti il viso, la nuca e parte delle tempie. Per le sue ridotte capacità di assorbimento degli urti,soprattutto se laterali, potevano essere usati esclusivamente alla guida dei ciclomotori e solo in Italia. Per i motivi sopraelencati  questo tipo di omologazione dal settembre 2001 è stata soppressa e ne è stata vietata la vendita e da Ottobre 2010 ne è stato vietato anche l'utilizzo. La prima serie di numeri "0048505" corrisponde agli estremi di omologazione, la seconda "163282"al progressivo di produzione.
 
 
 


 

Cucita sul cinturino o sull'imbottitura interna,è una vera e propria omologazione Europea che fà riferimento alla normativa che definisce i criteri di sicurezza per i caschi. A differenza del D.G.M. può essere usato per tutti i tipi di motocicli e per i ciclomotori. La E all'interno del cerchio rappresenta il marchio d'omologazione internazionale ed è seguita da un numero distintivo che identifica il paese che ha rilasciato l'omologazione (1=Germania, 2=Francia, 3=Italia ,4=Olanda,etc.). La prima serie di numeri 0452719 corrisponde agli estremi di omologazione di cui i primi due 04 identificano la normativa attuale (a breve avremo la 05), la seconda serie di numeri 009834 corrisponde al progressivo di produzione.  
 
 
 
Torna su
 
 

T
ipi di casco
 
 

D.G.M. (Solo ciclomotori)
Dal settembre 2001 i presenti caschi non possono essere più commercializzati e da Ottobre 201
0 NON possono più essere utilizzati.

JET (Motocicli e ciclomotori)
 
 
 
 

 
DEMI JET INTEGRALE CONVERTIBILE

( M o t o c i c l i  e  c i c l o m o t o r i )
 
 

Sanzioni e normativa
 
 
Dal 30 marzo 2000 il casco è obbligatorio per i conducenti e i passeggeri dei motocicli e per chi guida ciclomotori a due ruote indipendentemente dall'età. La sanzione amministrativa per chi dovesse trasgredire và da € 80,00 fino a € 323,00 a cui si aggiunge il fermo amministrativo del veicolo per 60 giorni (e la decurtazione di 5 punti se alla guida di motoveicolo). Nel caso che un minore circoli senza casco su un motociclo guidato da un maggiorenne, è quest'ultimo a dover rispondere dell'infrazione.
 
 
 
Torna su
 
 

C
onsigli e precauzioni
 
 
  • Per garantire la massima protezione il casco deve essere della taglia giusta e quindi deve aderire perfettamente alla testa ed essere portato sempre ben allacciato. Al momento dell'acquisto è necessario verificare che non stringa troppo o che non sia eccessivamente largo, controllando inoltre che il cinturino lo tenga ben fermo senza stringere sul collo.
  • Sostituire la visiera se sono presenti abrasioni, in quanto riducendo la trasparenza rendono difficoltosa la guida specie se notturna.
  • Non verniciare e non applicare al casco adesivi o decalcomanie in quanto i solventi presenti nelle colle e nelle vernici potrebbero danneggiare la calotta esterna.
  • Non esporlo a fonti di calore eccessive, come ad esempio, legarlo vicino alla marmitta o lasciarlo al sole per lungo tempo.
  • Per una corretta pulizia non usare assolutamente benzine, solventi o prodotti chimici, ma semplicemente un panno morbido ed acqua tiepida.
  • Evitare di comprare o utilizzare caschi usati in quanto, oltre a non essere igienici,potrebbero aver subito a nostra insaputa urti o trattamenti tali da comprometterne la sua funzionalità.
  • Anche se il casco non ha scadenza è buona norma sostituirlo dopo 5 anni di uso corretto.
     
Luogo comune
 
 
Spesso si sente dire che se il casco presenta una sottile linea longitudinale significa che esso è composto da due parti prodotte separatamente e poi successivamente unite tra loro, ciò è assolutamente falso, in quanto la calotta esterna viene sempre prodotta in un unico e particolare stampo che per consentirne l'estrazione crea esternamente questa falsa "giuntura".
 
 
 
Torna su
 
 

L
inks ai produttori
 
 

Agv

www.agv.com

Airoh

www.airohelmets.com

Aprilia

www.aprilia.com

Arai Europe

www.araihelmet-europe.com

Aris

www.atala.it

Axo

www.axosport.com

Bell

www.bellhelmets.it

Bieffe

www.biefferacing.com

Bmw

www.moto.bmw.it

Boeri

www.boerihelmets.com

BT

www.bthelmets.com

Caberg

www.caberg-helm.com

Dainese

www.dainese.it

Davida

www.davida.co.uk

Driver

www.driverhelmets.com

FM

www.fmhelmets.com

Harley Davidson

www.numerouno.it

HJC

www.psp.it

Kiwi

www.kiwi.it

LEM

www.lemhelmets.com

Max

www.newmax.it

MDS

www.agv.com

Nolan

www.nolan.it

Piaggio

www.piaggio.com

Premier

www.premier.it

Rheos

www.hondaitalia.it

Roof

www.freedommachine.com

Schuberth

www.bergamaschi.com

Scoop

www.psp.it

Shark

www.shark-helmets.com

Shoei

www.shoei.com

Suomy

www.suomy.com

Vemar

www.vemarhelmets.it

X-Lite

www.x-lite.it

Yes

www.yes-helmets.it

Helmet Shop

www.helmetshop.com

Snell

www.smf.org

   
Torna su

Copyright © 2000-2015 Autoscuola Pozzi sas - Tutti i diritti riservati - E' vietata ogni riproduzione totale o parziale di qualsiasi tipologia di testo, immagine o altro presente su questo sito. Ogni riproduzione non espressamente autorizzata è considerata violazione della L. 633/41 e pertanto perseguibile penalmente.
 
Autoscuola Pozzi sas, Via A. De Gasperi, 46 - 20861 - Brugherio (MB) P.IVA 02240540969
 
Powered & Developed by
Dario Pozzi
 

  
Autoscuola Pozzi sas ha superato il controllo di qualità di HTML.it con punteggio 75%   Corsi di Guida  

 

 

News

 

Proseguono i corsi di rinnovo della CQC merci e persone, per calendari e iscrizioni
...continua...

Pubblicato il Decreto sulla Guida Accompagnata che si può conseguire a 17 anni se in possesso di patente A1. In vigore dal 22 aprile 2012
...continua...

 

Pubblicato il Decreto per la formazione e l'abilitazione di Insegnanti e Istruttori di autoscuola
...continua...

 

   

Cerca

 
 
Cerca nel web con
 

 

E' uscito il dvd della casa editrice Finson che ci vede interpreti protagonisti nella  spiegazione della patente a punti
 


 

Autoscuola Pozzi

Crea il tuo badge